ReAl Coaching ipnosi faq

FAQ Ipnosi: domande frequenti

FAQ sull’Ipnosi: domande frequenti.

Cos’e’ l’ipnosi/ipnotismo?
L’ipnotismo è il processo di utilizzo dell’ipnosi per interagire con la parte più profonda di noi in un processo di riflessione aperta, al fine di creare cambiamenti positivi nella tua vita. Anche le più moderne neuroscienze non sono riuscite a dare una definizione completamente esaustiva di cosa sia.
Esistono molte tecniche, molti stili e molte applicazioni di ipnosi. Hanno tutte alcune cose in comune: (1) un forte desiderio di cambiare, (2) uno stato di attenzione profondamente rilassata e (3) linguaggio e visualizzazione che paiono sgrammaticati, ma che sono adeguati per parlare direttamente alla parte profonda di noi.

Cos’e’ lo stato di “trance”?
L’ipnosi è semplicemente uno stato di concentrazione rilassataÈ uno stato naturale. Infatti, ognuno di noi entra in uno stato simile – a volte chiamato stato di trance – almeno due volte al giorno: una volta quando ci addormentiamo, e una volta quando ci svegliamo. Quello stato confuso e senza tempo tra il sogno e il risveglio è uno stato di trance. Quando il timer di nove minuti della sveglia sembra darti il ​​tempo necessario per sognare per un’ora, quello è uno stato di trance. Ci sono molte altre volte in cui le persone entrano in uno stato naturale di trance. Guidare, guardare la TV, ascoltare la musica, lavorare su un hobby o su un’attività nello stato di “flow”. Questi sono tutti “stati alterati di coscienza” e tutti sono vari livelli di trance. La trance è normale, naturale e comune.
Alcune persone lasciano la loro prima sessione di ipnosi dicendo: “Non ero ipnotizzato – sapevo cosa stava succedendo per tutto il tempo!” Beh, certo che l’hai fatto! L’ipnosi non è uno stato di amnesia o di non consapevolezza. È vero il contrario, infatti: l’ipnosi è uno stato di consapevolezza e concentrazione molto accentuati.
Hollywood ha perpetrato molti miti sull’ipnosi, e non ricordare nulla della sessione di ipnosi è uno di quei miti. Solo in circostanze particolari una persona dimenticherà tutto di una sessione, ma si può lavorare molto profondamente anche quando la persona che subisce l’ipnosi ricorda tutto.

Perche’ dovrei imparare l’autoipnosi?
L’ipnosi, oggigiorno, è una potente skill di vita. C’è molto stress da gestire nell’ambiente di lavoro, nella scuola e nella società in generale. L’autoipnosi, anche al livello più elementare, è uno strumento meraviglioso per de-stressare, calmare e ripristinare un’energia salutare per il tuo corpo. Dà un senso di controllo e connettività alla tua mente e al tuo corpo, cosa che va a supportare la fiducia in te stesso e le performance.
Quando sarai diventato più abile nell’auto-ipnosi, scoprirai che può aiutarti a mantenere alta la motivazione e a massimizzare le performances, nonché la salute, l’energia e il vigore. Può aiutarti a prendere decisioni chiare. È incredibilmente potente l’essere in grado di scoprire quali siano le tue convinzioni e i tuoi modelli inconsci ed essere in grado di cambiarli a piacimento. Puoi letteralmente ridisegnare la tua vita! Affrontare quasi tutti i problemi. Rimanere più calmo e concentrato nella vita di tutti i giorni. Puoi progettare i tuoi modelli e le tue convinzioni per portarti al raggiungimento dei tuoi obiettivi più alti e alla tua visione del successo.

Abbaierò come un cane o grugnirò come un maiale?
Lasciami indovinare: hai visto uno spettacolo teatrale in cui un ipnotizzatore ha fatto fare a tutti delle cose pazze. O forse queste idee ti derivano dai film e dalla TV americana. L’ipnotizzatore da palcoscenico seleziona con cura i suoi soggetti (guarda quanti volontari ha fatto sedere) e sceglie le persone che sa che abbaieranno come un cane. Lo faranno perché da qualche parte dentro di loro c’è una parte che ama intrattenere. E lo faranno perché, nel profondo, non credono che ci sia qualcosa di sbagliato nell’abbaiare come un cane.
L’ipnosi non può farti fare qualcosa che va contro la tua morale o etica. Tutta l’ipnosi è autoipnosi, in verità, e nessun ipnotista può farti fare qualcosa che davvero non vuoi fare. Ecco perché alcune persone possono essere ipnotizzate per smettere di fumare e tuttavia fumano ancora. Devi volere il cambiamento, essere d’accordo con il cambiamento, e quindi l’ipnosi è uno strumento per aiutare a rendere quel cambiamento migliore, più veloce e permanente.

Perderò il controllo?
Questo è un altro mito del cinema. Hai sempre il controllo e puoi sempre sentire cosa sta succedendo. L’ipnosi non è altro che uno stato di profonda concentrazione rilassata. È uno stato naturale in cui entri almeno due volte al giorno (svegliandoti e addormentandoti!), e, probabilmente, anche molto più spesso. Se sei in trance e desideri “svegliarti” completamente, in qualsiasi momento, puoi semplicemente contare “1 – 2- 3” e aprire gli occhi.

Il mio amico ha provato l’ipnosi per smettere di fumare e non ha funzionato.
Temo che ci sia molto di più di qualche semplice suggerimento ipnotico nel cambiare un’abitudine seria come il fumare. In parole più semplici, la persona deve volere il cambiamento. L’ipnosi può essere utilizzata per trovare una soluzione sana ed efficace, e può essere quindi utilizzata per aiutare il soggetto ad acquisire nuove e sane abitudini.
Stare seduto in una stanza con altre 50 persone durante un seminario, o ascoltare un CD per smettere di fumare può funzionare, ma di solito è molto più efficace una sessione privata con un ipnotista, che può personalizzare il metodo di approccio, di linguaggio e di metodo da abbinare al tuo stile di vita e alle circostanze.

Come scelgo un buon ipnotista?
Il consiglio è di parlare con lui al telefono o di persona e di porre qualsiasi domanda tu abbia. Tutte le domande! Deve essere in grado di rispondere a qualsiasi domanda in modo sereno, informativo e comprensibile.
Dovresti poi selezionare un ipnotista che ti risulti accogliente e amichevole, e che sia facile per te da capire e da seguire. La sua voce dovrebbe risultarti piacevole, anche perché probabilmente ascolterai degli audio con la sua voce molte volte.
Se sei preoccupato per le sue qualifiche, chiedigli se sia un  membro di associazioni professionali e perché abbia scelto di appartenervi. Chiedigli un codice etico, e chiedi referenze se vuoi!
Riassumendo: dovresti sentirti a tuo agio con il comportamento, la voce e lo stile istruttivo del professionista che hai scelto. In genere, i primi venti minuti della tua prima sessione con un ipnotista saranno un’introduzione all’ipnosi e avrà luogo una conversazione sui cambiamenti che vorresti fare. Se non ti trovi bene dopo questa prima chiacchierata, dovresti semplicemente dirgli che pensi di non essere ancora pronto per essere ipnotizzato da lui. Quindi interpella altri ipnotisti finché non trovi quello adatto a te.

In che modo l’ipnosi è diversa dal pensiero positivo?
L’ipnosi ha il vantaggio di poter comunicare con la parte profonda di noi,  in modo bidirezionale. Le affermazioni positive non facilitano cambiamenti diretti alle nostre risposte comportamentali automatiche e profonde;  è solo un tentativo di parlare a quella parte di te e risulta poco efficace.
Anche una suggestione post-ipnotica è diversa da un’affermazione: gli effetti tendono ad essere più diretti, più specifici e più immediati quando si usano suggerimenti post-ipnotici.
A parte questo, il linguaggio dell’ipnosi e delle affermazioni è simile. Entrambi sono sempre espressi al tempo presente e sempre positivi. Se mai tu dovessi incontrare un ipnotista che usa le parole “non fumare” come suggerimento diretto, scegline un altro!

L’ipnosi è pericolosa?
I miti dell’ipnosi, perpetuati dai film di Hollywood, dalle leggende metropolitane e dai libri di narrativa, portano le persone a pensare a qualsiasi cosa sull’ipnosi, compreso che sia in qualche modo pericolosa. Alcune persone hanno sentito dire che puoi entrare in trance e non svegliarti più. O che l’ipnotizzatore possa farti fare cose che non vuoi fare. Queste cose non sono vere. Hai sempre il controllo, sei sempre in grado di “tornare” allo stato di veglia completa in qualsiasi momento, se lo vuoi o se lo reputi necessario. Il primo lavoro del subconscio è quello di proteggerti, ed è sempre vigile.
Ovviamente, ti consigliamo di scegliere come ipnotista una persona con un’ottima preparazione e che ti dia affidamento. L’ipnosi è una procedura sicura e che apporta benefici quando facilitata da un professionista etico e preparato.

Tieni sempre presente che l’ipnosi non è un trattamento o una cura per la malattia mentale e che le persone che soffrono di psicosi, depressione suicida o che si sottopongono a farmaci per la stabilità psicologica devono essere ipnotizzate dai loro medici o psichiatri o da un esperto ipnoterapista con presente medico o psichiatra del cliente.
Gravi problemi psichiatrici o di salute mentale sono di competenza di uno psicoterapeuta qualificato o di uno psichiatra. I problemi medici riguardanti il corpo devono essere sempre trattati da un medico, che può a sua discrezione prescrivere l’ipnosi, ad esempi,o per il controllo del dolore, l’ipnoanestesia o il rilassamento.
Tossicodipendenza, disturbi della dinamica familiare, depressione clinica, ed altre problematiche simili devono essere trattati da medici e psichiatri, che possono, a loro discrezione, prescrivere l’ipnoterapia come trattamento supplementare.

Hai altre domande? Scrivici e ti risponderemo!


Questo sito è contro lo spam. Cliccando sul pulsante “Invia la richiesta” invierai i Tuoi dati alla nostra segreteria dove verranno custoditi nel pieno rispetto della vigente normativa sulla Privacy e utilizzati esclusivamente per lo scambio di informazioni tra Te e Noi. Per nessun motivo i Tuoi dati verranno ceduti a terzi.

Queste FAQ e le relative risposte sono confermate dall’ AAPH (American Association of Professional Hypnotherapists), l’organizzazione mondiale che fornisce conoscenze, strumenti e risorse ai professionisti per sostenere il loro successo nelle piccole imprese e nel settore di riferimento.