Pensiero creativo al lavoro

Cambia il modo in cui pensi e genera nuove soluzioni!

GENERARE NUOVE IDEE? E’ POSSIBILE CON UN PROCESSO DI COACHING PENSANDO IN MODO DIVERSO!

Aziende ed organizzazioni si trovano sempre più spesso dinanzi a sfide complesse e in continua evoluzione e si rendono conto che un’innovazione continua e costante è fondamentale per rimanere al passo e sbaragliare la concorrenza.

Per questo motivo, è importante sviluppare la capacità di pensare in modo diverso, generare nuove idee e accendere la creatività all’interno del team di lavoro.

Il mondo del business – oggi sempre più volatile e complesso – evidenzia la crescente velocità e interconnessione che la realtà ci propone come sfida per un migliore approccio ai problemi quotidiani che ci pone la vita.


La capacità di generare nuove idee, oggi, è un’abilità professionale essenziale e può essere acquisita praticando consapevolmente tecniche che mettono la mente nelle condizioni di creare nuove connessioni, rompere vecchi schemi di pensiero e considerare nuove prospettive. La creatività è un’abilità che può essere sviluppata e coltivata, lavorandoci attivamente.

Spesso si commette l’errore di credere che le buone idee cadano dal cielo, o che la creatività sia un’attitudine che alcuni hanno e altri no. Niente di più falso: tutti possono trovare idee fresche ed innovative, basta aprire la mente e pensare in modo diverso.

Ecco alcune modalità su come fare.

Una tecnica standard, ma poco efficace, è quella di combinare o adattare idee già esistenti. Il nostro intento, invece, è di offrirti strumenti che ti portino su un piano completamente diverso e che possano essere applicate anche in sessioni di gruppo o brainstorming.

ROMPERE I MODELLI DI PENSIERO

E’ comune rimanere bloccati in certi schemi o modelli di pensiero. Rompere questi schemi ti aiuta a liberare la mente e generare nuove idee


Come fare? Esistono alcune tecniche utilizzabili:

  • Elaborare ipotesi: data una situazione, hai una serie di ipotesi chiave. Vagliare queste ipotesi dà una svolta nuova alle possibilità.
    Esempio: vorresti acquistare una casa nuova, ma non puoi poiché non hai abbastanza soldi per l’acconto. Elabora ipotesi: – Ok, non hai denaro in banca, ma non possiedi altri beni che potresti vendere per raccogliere quanto ti serve? – Potresti attingere al tuo fondo pensione? – Potresti fare abbastanza straordinari per raggiungere la cifra che ti serve? – Potresti chiedere un prestito? L’immagine della situazione inizia a sembrare più chiara.
  • Riformulare il problema: esporre il problema in modo diverso porta spesso a soluzioni diverse. Per riformulare il problema, guardalo da diversi punti di vista: – Perché dobbiamo risolvere questo problema? – Dove è situato il blocco? – Cosa potrebbe succedere se questo problema non viene risolto? Nuove domande ti daranno nuove informazioni, e nuove idee.
  • Pensare al contrario: non ti sovviene nulla di nuovo? Prova a capovolgere le cose. Invece di concentrarti su come risolvere un problema o migliorare una situazione, pensa a come potresti creare il problema o peggiorare la situazione. Verranno le idee inverse: considerale, dopo averle capovolte di nuovo, come possibili soluzioni del problema iniziale.
  • Esprimersi attraverso diversi linguaggi: abbiamo più intelligenze, ma in qualche modo, di fronte ai problemi sul posto di lavoro, tendiamo a usare prevalentemente la nostra capacità di ragionamento verbale. Prova a rappresentare il problema diversamente: musica, lego, disegno, associazione di parole. Qui la cosa importante non è risolvere il problema nell’immediato, ma esprimerlo e vederlo in modo diverso. Rappresentarlo diversamente potrebbe innescare diversi modelli di pensiero, e quindi nuove idee.


COLLEGA IL NON CONNESSO

A volte le idee migliori nascono per caso. Si vede qualcosa, si sente qualcuno, totalmente estraneo alla situazione che si sta tentando di risolvere, e il pezzo del puzzle si incastra. Perché succede?

Perché l’elemento casuale fornisce spesso un nuovo stimolo e fa ticchettare le nostre cellule cerebrali. Quindi, cerca attivamente stimoli da luoghi inattesi e rifletti su come poter usare questi stimoli per risolvere il tuo problema


Un paio di tecniche:

  • Usare input casuali: scegli una parola dal dizionario e cerca nuove connessioni tra la parola e il tuo problema
  • Mappa mentale
    • Prendi un’immagine: considera come puoi metterla in relazione con la tua situazione.
    • Prendi un oggetto e chiediti: come potrebbe questo elemento aiutarmi a risolvere il problema? Quali attributi di questo oggetto potrebbero aiutarmi a risolvere la situazione?
    • Inserisci una parola chiave o una frase nel mezzo della pagina. Scrivi qualsiasi altra cosa ti venga in mente sulla stessa pagina. Vedi se riesci a fare una connessione.


SPOSTARE LA PROSPETTIVA

Durante la nostra vita ci costruiamo tutti un certo tipo di prospettiva, e questa influisce sulle nostre idee. Se vuoi generare idee diverse, dovrai cambiare la tua prospettiva


Come?

  • Assumi la prospettiva di qualcun altro: chiedi alle persone cosa farebbero di fronte al tuo problema. Chiedilo ad amici, colleghi, vicini di casa, bambini, anziani, a qualcuno proveniente da una cultura diversa; in sostanza, a chiunque possa vedere le cose in modo diverso.
  • Gioca al “Se fossi…” e chiediti: “Se io fossi X, come affronterei questa situazione?”. Mister X potrebbe essere chiunque, ovviamente, ma deve avere determinati tratti personali e/o caratteriali identificabili, che devi usare per affrontare il problema.


UTILIZZARE FATTORI ABILITANTI

I fattori abilitanti sono attività e azioni che aiutano e supportano, piuttosto che provocare direttamente, la generazione di idee. Sono importanti perché creano un’atmosfera positiva


Alcuni degli elementi abilitanti che possono aiutarti a far fluire la tua creatività sono:

  • Credere in te stesso: il rinforzo positivo ti aiuta a fare meglio. Credi nella tua creatività, credi che le idee verranno da te.
  • Tempo di svago creativo: Vai a fare una passeggiata, ascolta musica, gioca coi bambini, prenditi una pausa dalla formalità. La tua mente ha bisogno di questo, e probabilmente troverà le connessioni di cui hai bisogno proprio mentre non si sta sforzando di farle.
  • Cambia l’ambiente in cui lavori: a volte cambiare il luogo in cui lavori cambia il tuo modo di pensare. Vai in una caffetteria vicina invece che nella sala riunioni del tuo ufficio, o lavora sul tuo discorso mentre passeggi nel parco.
  • Elimina le distrazioni: mantieni il tuo spazio di lavoro libero da ingombri, materialmente e mentalmente. Spegni il cellulare, chiudi la porta, e poi pensa.
  • Divertimento e umorismo: ricorda che questi sono ingredienti essenziali, specialmente se lavori in squadra.

 

Queste soluzioni sono valide, ma ancora impostate su un’analisi analitica che può diventare complicata e farraginosa se si vuole dettagliare maggiormente il cambiamento d’impostazione mentale creativa. Se vuoi approcciare metodologie potenti e performanti che vanno ad agire positivamente su te stesso, con la nostra scuola puoi accedere a percorsi specificamente mirati per aumentare la creatività, la presenza e il carisma. Tutti elementi che permettono di velocizzare le risposte in ambienti ad alta presenza di imprevisti, come quelli del business attuale.

Chiedi del Diamond Process for Presence&Charisma e del seminario on line di Pensiero Quantistico