Gestire i tuoi appuntamenti: quello che non ti hanno mai detto.

Gestire i tuoi appuntamenti: 6 consigli pratici (+ BONUS)

Pensa a un “primo appuntamento”, indifferente se di lavoro o d’amore.

Ti è mai capitata quell’emozione particolare, quella sintonia, quel giocare una danza che non sai dove ti porterà, se non in momenti belli?

Questo vale (forse ancora di più) per te che sei, o vuoi diventare, Networker. Il Network Marketing è basato sui rapporti personali funzionali al cliente e sulla condivisione del business con i potenziali collaboratori. Ma la maggioranza delle persone che inizia questo tipo di attività non ha l’esperienza necessaria per gestire incontri formali nella maniera professionale.

E se sei un professionista in qualsiasi settore gestire i tuoi appuntamenti, è anche per te. Condividi il Tweet

C’è un altro fattore importante: la conoscenza dell’interlocutore. L’importanza di gestire al meglio un incontro professionale cresce ovviamente nel caso in cui si tratti di uno sconosciuto: dobbiamo gestire la prima impressione, la necessità di costruire da  zero sintonia e empatia ecc.

Ma non solo: il coinvolgimento emotivo legato al primo incontro professionale varia in intensità e importanza a seconda di tanti altri fattori e, probabilmente, quello che potrebbe incidere maggiormente sarà dettato dalla tua priorità di vita.

Da questa premessa si capisce che il tipo di appuntamento, la persona che stai per incontrare e le tue motivazioni influiscono nel tuo appuntamento: conoscere le giuste tecniche per la buona gestione dell’incontro resta fondamentale per far passare il giusto messaggio che vuoi fare arrivare.

In questo articolo ti indico i 6 consigli pratici (+ consiglio BONUS) per gestire al meglio e con professionalità il tuo appuntamento lavorativo.

  1) Vivi le tue emozioni nel contesto! Condividi il Tweet

Molti ti dicono di “controllare” le emozioni, ma questo è sbagliato. In ogni momento di una relazione una emozione anche se controllata viene percepita a livello profondo dal tuo interlocutore.

Quindi?

Quindi il must è avere emozioni contestualizzate e per far questo il lavoro è su te stesso: convinzioni, intenzioni, presenza, carisma. Non è facile ma ti da risultati incredibili! Personalmente ne ho trovato beneficio frequentare i corsi della ReaL Coaching Academy che puoi trovare QUI.

  2) L'abito, e non solo, fa il monaco. Condividi il Tweet

Ormai è risaputo: i primi secondi di un incontro sono fondamentali. L’impatto visivo è decisivo: do per scontata la coerenza del tuo “abito” con il contesto e la situazione. Ma purtroppo meno scontata è l’abilità di gestire al meglio quello che succede dopo i primi 7 secondi di “conoscenza visiva”. Quindi presentati con un’immagine curata e coerente, accogliendo il tuo interlocutore con l’atteggiamento giusto. “Non c’è una seconda occasione per fare una buona prima impressione” diceva giustamente Oscar Wilde.

  3) Gesti e parole Condividi il Tweet

Da questo momento in poi, qualsiasi parola e gesto diventano fondamentali. Come evidenziato nel punto precedente il primo impatto è fondamentale per creare quel contesto che porta alla fiducia. Spesso si dà importanza solo al linguaggio verbale (lo facevo anche io agli inizi) ma il linguaggio non verbale e paraverbale sono determinanti per la prima impressione. Numerosi studi linguistici hanno rivelato come solo il 7% della comunicazione a un interlocutore è influenzato da cosa viene detto.

Creare l’ambiente ideale con un sorriso sincero, una stretta di mano decisa e un contatto visivo accogliente fa la differenza. Allo stesso tempo cerca anche di evitare abitudini negative come toccarti il viso o sfregarti le mani: tradiscono insicurezza. Diventa consapevole del tuo linguaggio corporeo e avrai miglioramenti immediati.

  4) Entra in rapport Condividi il Tweet

Se hai seguito le indicazioni del punti precedenti, stai entrando in rapport, quella modalità di condivisione inconscia fra più persone, che permette di gestire al meglio il flusso di gesti e parole per comunicare in modo efficace. Quante volte ti sei trovato in completa sintonia, parlando di cose personali senza pensarci, con un estraneo? Involontariamente hai usato le tecniche della PNL Q.I.E.  

Ne esistono diverse: ti permettono di stabilire un legame con le persone, creare una situazione di sintonia reciproca utile nella comunicazione al raggiungimento dei tuoi obiettivi.

Questo non significa assecondare o manipolare l’altra persona, ma rispondere in modo che l’altro si senta compreso. Andare d’accordo e stabilire rapporti sinceri rappresentano grandi abilità: valorizzarle per agevolare il bene di tutti è straordinario.

  5) Ascolta in modo attivo Condividi il Tweet

Nel dialogo è importante ascoltare. Permettermi una battuta: hai due orecchie e una bocca per ascoltare il doppio e parlare la metà 🙂

Ascoltare in maniera consapevole, prestare attenzione ai bisogni dell’altro e non giudicare rappresentano dinamiche di un ascolto attivo.

Anche nell’ascolto è importante il non verbale: il tuo linguaggio del corpo trasuda l’eventuale sincerità con cui accogli le parole dell’altro. E viceversa sta a te prestare attenzione ai gesti, alle mimiche facciali e al tono di voce dell’altra persona. Un segreto? Prova a “dimenticare” te stesso per la durata dell’appuntamento e concentrati totalmente sulla persona che hai davanti: ti stupirai dei risultati!

Ecco alcuni consigli pratici per sviluppare l’ascolto attivo:

  • non giudicare;
  • stai in silenzio. Anzi: usa il silenzio;
  • presta attenzione sincera;
  • comunica la tua comprensione (anche con gesti o cenni, segni fàtici);
  • non distrarti (cellulare o altro!);
  • fai attenzione alla comunicazione non verbale;
  • riformula i concetti a conferma di aver compreso.

  6) Curiosità per un sincero interesse Condividi il Tweet

Domande, non interrogatorio. Evita le domande da quiz a premi e crea quel flusso di conversazione sano e piacevole dove tutti stanno bene. Ricordati: più stai bene tu e meglio si sentirà a proprio agio la persona con te. Alimenta la tua curiosità in maniera sana e costruttiva: le domande sono il miglior modo per capire chi ti sta di fronte e far riflettere. Ovviamente esistono domande giuste e risposte interessanti. Nel mio percorso per diventare Coach ho scoperto i protocolli e le tecniche per trasformare le domande nel tuo miglior alleato: anche perché diventano il miglior strumento per far riflettere la persona che è con te.

Aggiungo il consiglio Bonus: sii autentico perché la vera ricchezza è questa.

In un settore come quello del Network Marketing questo fattore è fondamentale! E in ogni settore professionale la comunicazione per gestire gli appuntamenti è un must!

Evita recite, manipolazioni, bugie. Le persone si accorgono di quando qualcuno è falso.

Insomma sii te stesso e segui la tua storia. Ho conosciuto molti veri leader che hanno costruito il successo sulle fondamenta di autenticità e sincerità. Così si viene apprezzati e accolti.

Le persone, come me e te, vivono di emozioni. Chi le rispetta, si dimostrerà sempre vincente.

Viva l’autenticità

Alessandro Pennino
Coach e Networker

Voglio essere contattato per ulteriori informazioni

    Nome (*)
    Cognome (*) 
    Email (*)
    Telefono (*)
    Città (*)
    Il tuo messaggio (*)

    Questo sito è contro lo spam. Cliccando sul pulsante “Invia la richiesta” invierai i Tuoi dati alla nostra segreteria dove verranno custoditi nel pieno rispetto della vigente normativa sulla Privacy e utilizzati esclusivamente per lo scambio di informazioni tra Te e Noi. Per nessun motivo i Tuoi dati verranno ceduti a terzi.