Obiettivi e sicurezza dei risultati

“Come trasformare il tuo obiettivo in un risultato certo con successo

Nel mio lavoro di Personal e Fitness Trainer incontro persone con un obiettivo già chiaro, una grande dose di carica iniziale, spinte da un forte desiderio di raggiungerlo che rinunciano o si fermano sulla strada dei propri intenti. Condividi il Tweet Mi chiedo: ma perchè?

È successo anche a te?
Conosci qualcuno a cui è capitato?
Quando succede è veramente qualcosa di devastante, vero?

Con questo articolo ti espongo principali motivi che portano a questo e che  generano  mancanza di risultati e insoddisfazione.

È anzitutto necessario fare chiarezza, distinguendo tra “obiettivo” e “risultato”. Non si tratta solo di una formalità terminologica, bensì di una  differenza semplice ma molto significativa. 
Molto spesso si dà per scontato che gli obiettivi siano i risultati ed è uno dei motivi per i quali non vengono raggiunti, come ti spiego a seguire: l’obiettivo è ciò a cui miriamo, ed è qualcosa che decisamente desideriamo; il risultato è ciò che effettivamente otteniamo come conseguenza delle nostre azioni.

Mi sono sempre chiesto: per quale motivo le persone “mollano” (per esempio in palestra, piuttosto che in una dieta, ma anche nella quotidianità della vita) o perché perdono lo stimolo nel raggiungere lo stato desiderato? Perché questa fiamma iniziale che ti spinge a prendere una decisione forte, piano piano si affievolisce fino anche a spegnersi?

Ora ti spiego cosa succede quando perdiamo la strada per il nostro obiettivo e cosa necessiti di sapere per far sì che venga raggiunto.

Primo punto: “Asset Mentale”
L’atteggiamento mentale con il quale affronti ogni situazione di vita è determinante per il conseguimento del massimo risultato. Condividi il Tweet

Questo vale:

  • Per i progetti e le decisioni di tutta la vita (quindi non solo nell’area Fitness/Wellness)  
  • Per la scelta del percorso che decidiamo di svolgere
  • Per la piena consapevolezza di ciò che si vuole davvero
  • Per non perdere il focus e la giusta strada verso l’obiettivo
  • Per mantenerci in linea con i nostri valori senza perderci in strade prese per convenienza o per credenze e convinzioni limitanti
  • Per evitare di nascondersi dietro “falsi problemi” creandoci alibi o scuse che giustificano questioni che non riusciamo a potare a termine
  • Per mantenere la direzione evitando di auto-sabotarci creandoci falsi obiettivi.

Avere il giusto approccio mentale positivo, ed una “centratura adeguata” intesa come tenacia, concentrazione e consapevolezza di ciò che realmente senti e desideri, è un buon inizio per ottenere quello che desideri.

Secondo punto: conoscere il tuo obiettivo e cosa ti motiva
I comportamenti che un soggetto ha, e tutte le sue azioni, sono suscitate sempre da un emozione: “Ti azioni per come ti emozioni” Dr. Andrea Chellini Movement Specialist Condividi il Tweet

Anche per quanto riguarda gli obiettivi di vita è sempre ciò che senti che ti dice e ti dà la misura di quanto una scelta, una situazione e una necessità siano importanti per te e ti muove ad una azione costante, mirata e soddisfacente. Il punto di partenza deve essere sempre l’individuazione di una vera e propria necessità e desiderio di soddisfarla cioè: cosa vuoi ottenere, cosa vuoi migliorare, per quando lo vuoi, e perché lo vuoi!

Terzo punto: focalizzare le azioni 
Ed è qui che sorgono le difficoltà, perché talvolta le azioni che vengono fatte non sono propriamente in linea con ciò che si vuole; spesso siamo noi stessi ad “auto-sabotarci” creandoci falsi obiettivi, magari più facilmente raggiungibili, nonostante tutte le buone intenzioni. Per i propri obiettivi spesso vengono prese strade di convenienza che costano pochi sforzi e danno la sensazione di avvicinarsi sempre più ad un risultato, che invece, si sta allontanando… Condividi il Tweet

Un classico esempio? “Voglio perdere 10 kg”.

Con tutti i buonissimi presupposti che ci sono in questa frase, già di per sé indica il desiderio e non qualcosa di concreto, misurabile ed emozionale. Sembrerà strano, ma questa frase focalizza la tua mente e la tua attenzione alla fatica, magari alla dieta, magari agli esercizi e agli allenamenti estenuanti che dovrai sostenere in palestra, oltre agli stress della vita che già sopportavi, sostituendola con ciò che dovrai fare ecc ecc.. 

Inoltre: cosa devi fare nel concreto? E da domani? E per perdere questi 10kg? E poi?

Se dentro di te non ti poni le domande giuste, crei una possibile suggestione di pesantezza, la sensazione di scalare una montagna insormontabile nel tuo fare. Condividi il Tweet Perdi così gran parte dello stimolo necessario senza focalizzare le energie nella giusta direzione: tutto risulta essere molto faticoso, non un piacere, ed è per questo che poi il risultato a volte non arriva, oppure arriva con molti più sforzi di quelli che realmente servono.

Si eseguono azioni su azioni, si disperdono energie e sforzi che portano ad allungare i tempi senza avere risultati.

È qui che subentra la figura del Coach, che attraverso i suoi strumenti ed il processo di coaching ti aiuta a definire bene il tuo obiettivo, in forma positiva e anche immaginativa; ti aiuta a costruire un piano d’azione, con dei tempi ben precisi,  che preveda degli step in linea con i tuoi tempi, le tue necessità, le tue credenze, le tue convinzioni, i tuoi valori e nella direzione più giusta per te.

Riferito all’esempio sopra citato, una semplice chiave di lettura potrebbe essere indicare in termini positivi ciò che accadrà il giorno in cui raggiungerai quel traguardo, che tradotto potrebbe voler dire: “voglio pesare 60 kg entro fine anno, così posso rimettere i miei costosissimi jeans neri che non metto da 4 anni”. Hai trovato lo scopo del tuo obiettivo!

Già pensare a questo è molto più allettante, più motivante, molto meno faticoso e non sposta il focus sull’obiettivo quantitativo.

Quindi, per ottenere dei risultati innanzitutto deve esserti chiaro e ben definito il reale obiettivo che ti emoziona e il suo scopo; ciò che desideri davvero. Questo è il punto di partenza. 
Serve poi una corretta definizione degli obiettivi da cui dipende buona parte dell’esito positivo. A questo punto, e solo ora, crei un piano di azione dove vengono programmati e scritti i vari step. E’ un approccio programmatico che favorisce il raggiungimento del risultato, generando sensazioni positive e permettendoti di mantenere l’attenzione costante monitorando il cammino verso il tuo successo.

Questo è un esempio semplice che può essere declinato nel lavoro, nelle aziende, nei rapporti interpersonali e nella vita di ognuno di noi, tutti i giorni.

Esistono delle strategie e metodologie che puoi fare tue e che aiutano a favorire, sostenere e “indirizzare” la nostra mente, i pensieri e le azioni per riuscire a raggiungere i risultati, gli obiettivi che prima sembravano solo dei… Condividi il TweetE funziona davvero, soprattutto se sei affiancato da un professionista che conosce quei meccanismi spesso inconsci contro i quali combattiamo per la nostra felicità e miglioramento.

Per contributo di
Andrea Meacci
Coach – Trainer e Personal Trainer

Vuoi sapere come ho migliorato la mia preparazione professionale? 
Chiedi di essere contattato

Nome         (*)

Cognome (*)

Email         (*)

Telefono  (*)

Città          (*)

Il tuo messaggio (*)

Questo sito è contro lo spam. Cliccando sul pulsante “Si, contattatemi” invierai i Tuoi dati alla nostra segreteria dove verranno custoditi nel pieno rispetto della vigente normativa sulla Privacy e utilizzati esclusivamente per lo scambio di informazioni, notizie e aggiornamenti tra Te e Noi. Per nessun motivo i Tuoi dati verranno ceduti a terzi.