Trainer o Coach? “Il dualismo nel Fitness e nel Wellness”

Se vuoi essere soddisfatto ed
evitare di buttare soldi per il tuo BenEssere,
devi conoscere le differenze tra Trainer e Coach

Quello che da oggi devi sapere per evitare di rimanere deluso e spendere soldi inutilmente è riconoscere le differenze metodologico – professionali delle varie figure che incontri nel settore Fitness e Wellness. Figure professionali molto spesso confuse e usate a sproposito e definite generalmente: Trainer, Personal Trainer, Coach del Fitness, Personal Coach, Coach Trainer. Chi più ne ha ne metta. Rimanere deluso vuol dire non raggiungere i tuoi obiettivi e quindi buttare i tuoi soldi.

Con questo articolo voglio condividere una visione più completa non solo con i colleghi ma con chiunque legga, portando la mia personale esperienza affinché si comprenda chiaramente che Trainer e Coach sono due figure diverse, complementari con compiti ben precisi, competenze specifiche, strumenti, abilità ed aree di lavoro differenti: il Coach per quanto riguarda l’asset mentale, il Trainer (tecnico) per quanto riguarda invece la parte specifica ed operativa.

Il Coach allena la mente e ti aiuta a capire come utilizzarla per i tuoi fini, il Trainer allena il corpo Condividi il Tweet

Nel settore Wellness e nel Fitness i due professionisti possono e dovrebbero collaborare per portare il soggetto ad ottenere il massimo risultato, la massima performance, con il minimo sforzo e la sicurezza che questo venga fatto nella direzione più giusta rispettando credenze, convinzioni e valori del cliente. Ma non è così.

Nasco professionalmente come Trainer nel Settore Fitness per diventare via via “Personal Trainer”, inteso come Trainer alla Persona nel suo insieme di Corpo e Mente. Da più di 15 anni, con questa visione olistica del Fitness poco nota nel settore, porto immensi benefici a chi si affida direttamente a me o ai centri dove lavoro. I risultati di un Wellness totale non possono arrivare solo da allenamento tecnico/fisico; si devono considerare anche aspetti cognitivo comportamentali ed energetici come necessari e complementari.

Ho poi studiato per diventare Coach e ho vissuto di persona la differenza tra queste professioni. Sono le persone, diventate miei clienti, che hanno scoperto il mio naturale talento nell’aiutarle a raggiungere i loro obiettivi.

Ma chi è il Personal Trainer o Trainer?

 “Il Personal Trainer (anche detto allenatore personale e convenzionalmente indicato dalla sigla PT) è la figura professionale preposta a gestire in maniera individualizzata l’esercizio fisico di coloro che si avvicinano o praticano attività per migliorare il proprio stato di salute o di forma fisica. Un’altra importante area di intervento del Personal Trainer è relativa all’educazione a stili di vita salutari e al ruolo di motivatore nell’ambito della pratica dell’attività fisica … “Cit. Wikipedia.

Il Trainer, tendenzialmente associato al campo sportivo, è a tutti gli effetti un “allenatore” Condividi il Tweet che ha un background culturale multidisciplinare: è un esperto del settore che sceglie, suggerisce ed insegna le attività per il cliente (chiamato Allievo) in base alle sue necessità e caratteristiche e che articola un piano di allenamenti con uno stile direttivo finalizzato a un obiettivo.

Fuori dal settore sportivo, possiamo equiparare il Trainer all’insegnante, ossia un formatore tecnico specifico di una qualunque disciplina che trasferisce la sua competenza al discente e che a volte decide ed indica all’allievo ciò che è giusto fare per migliorare la sua performance. Il training quindi diventa un “percorso di formazione e allenamento” vero e proprio dove vengono somministrati esercizi e/o conoscenze tecniche specifiche.

Il tutto viene pensato, scelto e dettato dal trainer in forma spesso direttiva e a volte impositiva.

E chi è il Coach?

Differentemente, il Coach è un professionista che crea un’alleanza di lavoro vera e propria con il suo cliente (chiamato Coachee); costruisce un rapporto fondato sulla fiducia reciproca, una reale partnership al cui centro stanno gli obiettivi e gli scopi del Coachee, basata su una relazione etica, simmetrica e paritaria. Il Coach, attraverso un processo definito, stimola il coachee a “tirar fuori” le risorse nascoste dentro di sé, aiutandolo a trovare la sua giusta strada per un piano operativo efficace che lo porti al successo.

E’ un processo di autoscoperta ed autorealizzazione nel quale Un Coach aiuta il Cochee ad individuare la porta giusta che poi quest’ultimo si impegna ad aprire e varcare per andare oltre… Condividi il Tweet

Il coachee è il vero esperto della propria vita, l’unico a possedere le risorse interne per il suo miglioramento e le necessarie azioni da eseguire per raggiungere i suoi obiettivi. E’ l’unico a poter scegliere la propria direzione con una decisone volontaria, responsabile, consapevole, in linea con le proprie credenze, convinzioni e valori. Il Coach lo supporta nella realizzazione di tutto ciò tramite le competenze acquisite, i propri strumenti e “il processo di Coaching”, diventando l’anello mancante fra i propositi ed i comportamenti proattivi della persona.

Trovi le definizioni complete di Trainer QUI, e di Coach QUI.

Diventa quindi netta e sostanziale la distinzione fra le due figure:  da una parte c’è il Trainer, che ultimamente, seguendo le tendenze del settore fitness, ha affiancato alla consueta consulenza atletica anche quella di miglioramento della sfera psicologica e motivazionale, per indicare una strada da percorrere. Si tratta di una consulenza del tipo: “Ti dico io Trainer cosa fare, quando e come farlo”. E’ quindi la somministrazione di un piano mirato in stile direttivo per spiegare cosa è necessario svolgere, indicare la direzione da prendere per raggiungere ciò che il cliente desidera, vuole sapere, deve sapere.

Dall’altra parte c’è il Coach, che lavora con il presupposto che ogni persona è in grado di portare a compimento qualsiasi miglioramento: ogni individuo ha dentro di sé le risorse necessarie che gli servono ed è in grado di realizzare qualsiasi obiettivo di avanzamento personale che desidera.

E’ dunque evidente lo spartiacque non negoziabile tra chi intende il Coach Professionista, con approccio “Egoless” (in totale assenza di ego, senza consigli e tantomeno giudizi) e chi lo confonde con un Trainer, un Guru o un Mentore che indica “la via giusta per te”.

Linguisticamente potremmo ammettere il termine Coach come “inglesismo” per indicare l’allenatore o il Trainer di una qualsiasi attività specifica: (Coach del Fitness, Coach del movimento, Vocal Coach ecc… alias Allenatore del Fitness, Allenatore o tecnico del movimento, Allenatore vocale ecc.. ). Il fatto è che oramai viene usato per cavalcare l’onda della moda “sono un coach” e questo non va bene perchè il Coach è una professionalità ben identificata (anche da norme e leggi: leggi QUI) che in quanto tale ha etica , unicità ed essenza ben individuabili e definibili. 
Per farvi chiarezza chiedetevi se il termine è utilizzato come sinonimo di “allenatore” oppure intende la figura professionale del Coach, con tutte le differenze e i vantaggi che ne derivano.

Quindi? Trainer, Coach o entrambi nel Wellness e nel Fitness? Condividi il Tweet

Sono realtà condivisibili se si conoscono le reali e radicali differenze che ci sono fra loro. Si può ben capire che per approfondire l’utilizzo dell’enorme universo che c’è in ognuno di noi non bastava più il solo aspetto “motivazionale tecnico”, caratteristico del Trainer, le cui competenze non erano più sufficienti per soddisfare ciò che volevo dare ai miei clienti. Per questo motivo ho scelto di “alzare l’asticella” ampliando la mia formazione professionale iscrivendomi alla Re.Al Coaching, Scuola di Alta Formazione, acquisendo il titolo di Coach Professionista e ho trovato nella loro somma una soluzione incredibilmente efficace!

Volevo e desideravo essere un Coach tanto quanto ho voluto e desiderato essere un Personal Trainer inteso come “Trainer alla Persona”.

Terminato il corso professionale come Coach, mai ho sentito così vera la frase: “Il tuo successo è il mio successo”. Condividi il Tweet E se prima del percorso di studio avevo un’idea di quelle che potevano essere le differenze, alla fine le cose sono diventate molto chiare. E spero vivamente, dopo questo mio articolo, che lo siano anche per te che lo hai letto.

Con un Coach, sei tu il centro del cammino perché è il tuo! E io posso aiutarti a scoprire qual è e come percorrerlo per arrivare dove vuoi tu!

I prossimi articoli saranno molto interessanti per far tua la convinzione che puoi migliorare la tua vita e farla andare nella direzione voluta con felicità, soddisfazioni e un benessere generalizzato.

Per contributo di
Andrea Meacci
Real Professional Coach
Trainer e Personal Trainer

Vuoi sapere come ho migliorato la mia preparazione professionale? 
Chiedi di essere contattato

Nome         (*)

Cognome (*)

Email         (*)

Telefono  (*)

Città          (*)

Il tuo messaggio (*)

Questo sito è contro lo spam. Cliccando sul pulsante “Si, contattatemi” invierai i Tuoi dati alla nostra segreteria dove verranno custoditi nel pieno rispetto della vigente normativa sulla Privacy e utilizzati esclusivamente per lo scambio di informazioni, notizie e aggiornamenti tra Te e Noi. Per nessun motivo i Tuoi dati verranno ceduti a terzi.